Il Salterio presso i Padri

Prof. Maurizio Girolami

II semestre

Requisiti. La conoscenza del greco e del latino.

Scopo del corso. Il corso intende offrire un’introduzione generale all’esegesi patristica attraverso l’interpretazione cristologica del Salterio che trova le sue origini nell’epoca apostolica. I Salmi e Isaia sono il background della Scrittura giudaica più frequentato non solo da Paolo e dagli evangelisti, ma anche da tutti i Padri, sia in ambito greco che latino. Se nei primi due secoli il Salterio viene considerato come un deposito di materiali adatti alla definizione cristologica, a partire da Origene, l’insieme dei 150 salmi viene spiegato come un organismo ben composto con lo scopo preciso di aiutare l’orante a raggiungere la comunione con Dio. Oltre all’Epistola a Marcellino di Atanasio, che costituisce il manifesto sull’importanza del Salterio per la vita cristiana, si prenderanno in esame alcuni saggi di esegesi patristica su alcuni salmi specifici, in modo particolare scegliendo tra le 29 omelie sui Salmi di Origene scoperte nel 2012.

Il corso si svolgerà prevalentemente con lezioni frontali, durante le quali il docente presenterà gli sviluppi storici, esegetici e teologici dell’esegesi patristica sul Salterio e introdurrà gli studenti alla lettura puntuale di alcuni testi patristici. Ciascuno studente, in accordo con l’insegnante, sarà invitato ad approfondire la ricezione di un salmo o di una sua parte.

L’esame può essere sostenuto sia in forma orale che scritta. Chi sostiene l’esame oralmente, comunque, è invitato a fare un breve elaborato su un salmo, previo accordo con il docente, per favorire un contatto diretto con le fonti patristiche. L’esame può essere sostenuto anche in forma scritta, presentando un elaborato redatto secondo le norme dello Studium Biblicum, su un tema o un testo scelto in accordo con il docente.

Una bibliografia più ampia sarà presentata all’inizio del corso: sulle edizioni dei testi patristici, su temi generali e su singoli salmi. Per quanto riguarda le introduzioni generali si tengano presenti queste opere:

• W.L. Johnson, Patristic Use of the Psalms Until the Late Third Century, Southern Baptist Theological Seminary, Louiseville, KY 1982
• M. Simonetti, Lettera e/o allegoria. Un contributo alla storia dell’esegesi patristica (Studia Ephemeridis Augustinianum 23), Istituto Patristico Augustinianum, Roma 1985
Le Psautier chez les Pères (Cahiers de Biblia Patristica 4), Centre d’Analyse et
de Documentation Patristiques, Strasbourg 1994
• C. Reemts, Schriftauslegung. Die Psalmen bei den Kirchenvätern (Neuer Stuttgarter Kommentar - Altes Testament 33/6), Verlag Katholisches Bibelwerk GmbH, Stuttgart 2000
• C. Kannengiesser (ed.), Handbook of Patristic Exegesis. The Bible in Ancient Christianity. vol. I-II, Leiden – Boston – Köln 2004
• P. Grech, L’interpretazione patristica dei Salmi, Augustinianum 48 (2008) 221-235
• B.E. Daley – P.R. Kolbet (edd.), The Harp of Prophecy. Early Christian Interpretation of the Psalms (Christianity and Judaism in Antiquity Series 20), Notre Dame, Indiana 2015
• C. Bandt – F.X. Risch – B. Villani, Die Prologtexte zu den Psalmen von Origenes und Eusebius (Texte und Untersuchungen zur Geschichte der Altchristlichen Literatur 183), Berlin 2018
• L. Perrone (a cura di), Origene, Omelie sui Salmi (Opere di Origene 9/3A), Roma 2021.